Il re delle poltrone su misura

Il re delle poltrone su misura: Così metto a sedere i potenti

Diciannovesimo appuntamento del ciclo “Intraprendenti”, format multimediale del Denaro dedicato a imprenditori e professionisti che non si arrendono. Questa settimana è il turno di Vittorio Pappalardo, titolare di Vip, azienda che realizza poltrone per top manager e per un pubblico di fascia alta. Di seguito proponiamo una sintesi dell'intervista condotta negli studi di Denarotv e che sarà trasmessa dall'emittente digitale stasera alle ore 21,05 e in replica sempre stasera alle 23:55, dopodomani alle 17,30 e domenica 5 dicembre alle ore 13. Il video integrale sarà disponibile da domani su www.denaro.it.
Dalla particolarità dell'iniziativa deriva il tono colloquiale e l'uso del tu, inusuale sui quotidiani e in particolare sul Denaro. Il Capo dello Stato, il presidente di Confindustria, il questore, il prefetto, il cardinale,ministri, assessori: tutti siedono su una poltrona Pappalardo. Facciamo prima a dire chi manca nella lista?
No, per carità, ho ancora molto da fare. Ci sono tante personalità che vorrei raggiungere. Verrà anche il loro turno.
Che cosa ha di straordinario una poltrona Pappalardo?
Tecnica e bellezza. Rispettiamo le indicazioni della medicina del lavoro, proponendo un prodotto comodo ed ergonomico, e personalizziamo il tutto facendolo diventare elegante.
A ciascuno la sua poltrona?
Proprio così Legni, tessuti, dimensioni, particolari legati alle necessità fanno di ciascun pezzo un pezzo unico, numerato.
Quanto dura una poltrona Pappalardo?
E’ concepita per non morire, anche grazie al nostro servizio di manutenzione agevolato dalla rintracciabilità dei materiali usati per ciascuna seduta.
Una poltrona per la vita, come i diamanti?
Si, e come tutti i prodotti di buona qualità riparabili.
Quanto c’è d’italiano e quanto d’importazione nel manufatto?
Scherzi? Il nostro prodotto è cento per cento italiano. Tutta lavorazione nostra.
Come ti viene l’idea di creare poltrone?
Sono figlio d'arte, i miei genitori erano commercianti nel settore e ho cominciato a lavorare con loro.
Ti sei formato sul campo?
Non solo. Ho presto capito di dover studiare per fare l'imprenditore. Ho seguito corsi di direzione aziendale e ho cominciato a vedere i prodotti con occhi diversi.
Perché tra le tante scelte possibili ami definirti artigiano?
Perché mi piace seguire il prodotto dall’inizio alla fine. Ogni poltrona è come la donna amata: la più bella è sempre l’ultima.
Qual è il modello che ti ha fatto penare di più?
Tutti quelli diretti anche ad alleviare problemi fisici. E’ chiaro che in questi casi per dare piena soddisfazione al cliente occorre un supplemento di attenzione e tempo.
Quante contestazioni hai ricevuto in tanti anni di attività?
Nessuna, in trentatré anni.
Possibile?
Certo, e mi rendo conto che non ci sarebbe nulla di male se fosse il contrario.
C’è un trucco?
Facciamo molta attenzione a fidelizzare il cliente e garantiamo un'assistenza elevata nel post vendita. Vendiamo beni durevoli, oggetti che si legano all’immagine e alla personalità.
E’ nuova l’idea della poltrona che deve calzare come un guanto?
Sì, ed è stata l’intuizione che ci ha fatto uscire dal guado, che ci ha resi differenti dagli altri produttori.
Quanti pezzi realizzi in un anno?

Migliaia. Ma bisogna considerare che accanto alla poltrona per top manager, nostra punta di diamante, produciamo anche sedute operative.
Quali materiali e disegni sono i tuoi preferiti?
Quelli giusti per la persona cui è diretta la poltrona: Principe di Galles, micro fibra, con i cristalli Swaroski… Bisogna mettere un po' di creatività, soprattutto per le donne che non devono rinunciare alla loro femminilità.
C’è qualcosa, al contrario, che eviti di fare?
Le poltrone tutte nere. Le sconsiglio vivamente. Molto belle, invece, quelle in tessuto gessato. Ne produciamo tante.
Gessate, modello Denaro?
E’ così. L’ideami è venuta proprio pensando a te e al tuo gruppo editoriale. E’ stata un’intuizione felice, che mi sta dando soddisfazione.
Chi sono i tuoi principali collaboratori?
La mia struttura è piccola e dinamica, supportata da un robusto un sistema informatico che mi aiuta a snellire le procedure. Sul prodotto ci sono sempre io.
La testa e il cuore dell'azienda?
Sì, certe cose non le puoi delegare. Preferisco seguire tutto personalmente: ogni cliente ha un particolare tratto psicologico, precise esigenze posturali e fisiche. La conoscenza e il rispetto di tutto questo rende unico e difficilmente riproducibile il nostro prodotto.
A quali novità stai lavorando?
Beh, non lo abbiamo ancora reso ufficiale: ci stiamo inserendo in una nuova e interessante area di mercato, quella per obesi.
Tutto qui?
La mia e nostra attenzione per i miglioramenti tecnici è costante. In queste settimane, ad esempio, stiamo lavorando a un meccanismo di traslazione che consentirà di equilibrare e assorbire in automatico le disomogeneità delle superfici di appoggio.
Il tuo mercato è campano, nazionale o internazionale?
Nella regione siamo i primi,ma vendiamo anche nel resto d’Italia e qualcosa anche all’estero.
Si può fare di più?
Si dovrebbe… Il problema è che i rivenditori non mettono nell’attività di offerta la stessa quantità di amore che metto io. In alcuni casi sono stato costretto a recarmi personalmente dal cliente con una poltrona-campione per mostrare la qualità del prodotto.
Funziona come per gli abiti? Modelli standard da rimodellare sul corpo di chi indossa?
Su per giù. E poi occorre spiegare bene il funzionamento dei meccanismi che devono essere semplici e intuitivi. Quando consegno una poltrona vado via solo dopo aver avuto la certezza che il cliente ha imparato a usarla bene.
Non rischi di esagerare?
E perché? Mica puoi consegnare un prodotto, qualunque esso sia, e dire: ecco, qui ci sono le istruzioni; le impari e arrivederci. Tra i valori fondanti della nostra azienda non c’è il denaro al primo posto.
E che cosa, allora?
La soddisfazione del cliente, perché un cliente non contento crea un danno irreparabile mentre quello contento in un certo senso lavora per te.
Ho visto che quando consegni una poltrona la tocchi, la guardi, la lisci…
Infatti, e qualcuno sorride per i guanti bianchi che indosso nel registrare i meccanismi: ma è una forma di rispetto nei confronti del prodotto e dell’interlocutore.
C'è un po' di scena per colpire l'acquirente? Fa parte del copione del bravo venditore?
Sono convinto del fatto che nel lavoro dobbiamo mettere molta dignità. Le nostre poltrone hanno valore, e così come il gioielliere presenta bene il proprio prodotto nel velluto anche noi dobbiamo consegnare il nostro con cura.
Hai figli?
Una figlia, per scelta. Si chiama Vittoria, ha sedici anni, studia al liceo d’arte.
Che cosa pensi del suo futuro?
Credo sia presto.Ancora non so se vorrà impegnarsi in azienda e in quale ruolo.
Tendi a coinvolgerla?
Le chiedo spesso pareri. Ha buon gusto.
Benché tu sia ancora giovane, ti sarai posto il problema della successione. Stai formando un allievo che possa affiancarti e poi sostituirti?
In verità attendo di capire se potrò trasmettere il bagaglio di conoscenze e sensibilità a mia figlia. In questo caso mi riterr? un uomo fortunato.
Altrimenti?
Mi porrò il problema, che richiederà un po’ di tempo per essere risolto.Ma ho fiducia che tutto andrà come desiderato perché Vittoria mi somiglia molto nel carattere e nelle preferenze. Tanto che mia moglie sostiene che sia lamia fotocopia.
Si vede che sei un uomo soddisfatto…
Sì, lo sono. La mia famiglia subisce in qualche modo questa mia esuberanza ma sono convinto che dietro ogni imprenditore di successo ci sia sempre una famiglia che lo sostiene per amore. Bisogna essere sempre grati a chi ci è vicino.

  • A Napoli la bandiera della creatività

    A Napoli la bandiera della creatività La rossa, la bianca e la verde: tre poltrone per i tre colori del vessillo nazionale. Le realizza Vittorio Pappalardo, in omaggio ai centocinquanta anni della nazione. Quella creata da Pappalardo per celebrare il 150° è soltanto una delle novità >> Continua >>
  • Da Vittorio Pappalardo una poltrona per l'8 marzo

    Da Vittorio Pappalardo una poltrona per l'8 marzo Una poltrona per l''8 marzo. A realizzarla è la Vip di Vittorio Pappalardo, industria artigiana di poltrone eleganti per ufficio. "Per conservare il fascino dell''eleganza femminile anche in quegli status symbol tipicamente maschili - dice l''imprenditore - abbiamo realizzato per una nostra >> Continua >>
  • Dedicato a chi tiene molto alla poltrona

    Dedicato a chi tiene molto alla poltrona ARTIGIANI - Il napoletano Vittorio Pappalardo a messo a sedere molti vip, dal presidente della Repubblica al leader della Confindustrai. Sviluppando prodotti su misura. E totalmente personalizzati. Provate a immaginare una poltrona rivestita di gessato da gangster americano, con tanto di >> Continua >>
  • Ergonomica ma femminile ecco la poltrona per la manager

    Ergonomica ma femminile ecco la poltrona per la manager Sarà il simbolo della donna di classe, elegante ed originale per il prossimo 8 marzo. Perchè anche il ruolo femminile nel mondo del lavoro va valorizzato, come sottolineano dall'azienda artigiana che le ha create. E le poltrone realizzate dalla <Vittorio >> Continua >>
  • Femminilità seducente e... comoda

    Femminilità seducente e... comoda Nelle sale del Maschio Angioino, storico simbolo cittadino partenopeo nonché sede della Fondazione Valenzi, la maison di moda Emilio Federico Schuberth e la Vittorio Pappalardo Vip presentano al pubblico i loro nuovi prodotti. Come evento conclusivo del progetto "Napoli Eccellente", >> Continua >>
  • Glamour: una poltrona per le donne in carriera

    Glamour: una poltrona per le donne in carriera Si chiama "Glamour": è la nuova variante, con pietre Swaroski incastonate nel legno dei braccioli, della poltrona Senior, realizzata da Vittorio Pappalardo (titolare della Vip, azienda specializzata nel settore delle poltrone da ufficio). Il nuovo prodotto della Vip è stato >> Continua >>
  • I Top Manager si fanno fare la poltrona su misura

    I Top Manager si fanno fare la poltrona su misura Il regalo dei manager? Vanno a ruba le poltrone su misura. Gessate, damascate, in jeans, seta, camoscio o taffettà. Sono infinite le declinazioni delle poltrone per top manager. Di vero boom di ordini parlano nell'azienda che produce i modelli "Vip >> Continua >>
  • Il Monsieur del mese

    Il Monsieur del mese Il titolare che gira l'Italia a prendere le misure del fondoschiena dei clienti. Così un'azienda diventa un caso di marketing studiato all'università. Il capo dello Stato, la presidente di Confindustria, il direttore del Tg1: tutti comodi sui troni "anti ribaltone" >> Continua >>
  • Il re delle poltrone su misura

    Il re delle poltrone su misura Il re delle poltrone su misura: Così metto a sedere i potenti Diciannovesimo appuntamento del ciclo “Intraprendenti”, format multimediale del Denaro dedicato a imprenditori e professionisti che non si arrendono. Questa settimana è il turno di Vittorio Pappalardo, titolare di >> Continua >>
  • Il regalo dei manager? La poltrona di Natale

    Il regalo dei manager? La poltrona di Natale Il regalo dei manager?? La poltrona di Natale. A realizzarla è la Vip by Vittorio Pappalardo, azienda leader nella produzione di poltrone per top manager, che sta registrando un vero e proprio boom di ordini. Quest'anno tra i destinatari di >> Continua >>
  • La VIP di Pappalardo diventa caso di studio

    La VIP di Pappalardo diventa caso di studio In che modo le piccole aziende partenopee possono vincere le sfide della globalizzazione? Come riescono a conciliare la tradizione imprenditoriale e artigianale con l'innovazione, la creatività, la tecnologia e la specializzazione? Quali sono le strategie di comunicazione e di marketing? >> Continua >>
  • Metto il potere in poltrona

    Metto il potere in poltrona Le migliori sedute sono solo su misura, come un bel vestito il segreto: un taccuino anche nel pigiama per catturare le idee.Vittorio Pappalardo è figlio d’arte e il suo mestiere è mettere letteralmente in poltrona i presidenti. Tra i suoi >> Continua >>
  • Poltrone comode per posti scomodi

    Poltrone comode per posti scomodi Pappalardo (Vip): Il prossimo cliente? Spero il nuovo Questore di Napoli Costruisce poltrone comode, per posizioni scomode. E' l'artigiano dei top manager, o quanto meno, degli uomini di potere. Vittorio Pappalardo, 57 anni, da trentadue anni all'avanguardia nella realizzazione delle >> Continua >>
  • Poltrone su misura per clienti VIP

    Poltrone su misura per clienti VIP Nel cuore di Napoli da trent’anni un’azienda “mette a sedere” personaggi prestigiosi. Ma non chiedete una sedia in pelle nera. «Il mio obiettivo principale è la soddisfazione del cliente. Chiudere gli occhi e non pensare a chi si ha davanti. >> Continua >>
  • Swarovsky e Schuberth, ecco le poltrone Vip

    Swarovsky e Schuberth, ecco le poltrone Vip La napoletana Vip di Vittorio Pappalardo, azienda leader nella produzione di poltrone per top manager, diventa licenziataria dei tessuti della Maison Schuberth, con i quali rivestirà le sue poltrone, nella variante femminile Glamour-Plus-Schuberth. Emilio Schuberth è il grande sarto napoletano >> Continua >>
  • Una poltrona per Emma Marcegaglia

    Una poltrona per Emma Marcegaglia Ad accogliere il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia al suo arrivo a Napoli è la poltrona "su misura" regalatale dal Denaro e realizzata dall'azienda napoletana Vip di Vittorio Pappalardo. La poltrona, in tessuto Schubert bianco-nero, (Emilio Schubert è il sarto >> Continua >>
  • Una poltrona per VIP

    Una poltrona per VIP Pappalardo (Vip): Il prossimo cliente? Spero il nuovo Questore di Napoli. Il marchio registrato trent’anni fa da Vittorio Pappalardo è ormai un must per la gente che conta. Tra i suoi clienti ci sono tra gli altri il presidente di >> Continua >>
  • Una poltrona su misura per Elia Valori

    Una poltrona su misura per Elia Valori Una poltrona su misura per Giancarlo Elia Valori, vincitore della sezione Mediterraneo del Premio Ischia. Si chiama "poltrona del Mediterraneo" in omaggio all'impegno con cui Valori si dedica da anni ai temi della politica internazione e in particolare ai suoi >> Continua >>
  • Uso la pistola per tenere i Vip incollati alla loro poltrona

    Uso la pistola per tenere i Vip incollati alla loro poltrona Il titolare che gira l’Italia a prendere le misure del fondoschiena dei clienti. Così un’azienda diventa un caso di marketing studiato all’università. Il capo dello Stato, la presidente di Confindustria, il direttore del Tg1: tutti comodi sui troni "anti ribaltone" >> Continua >>
  • 1